Vuoi diventare documentarista? Hai una passione per questo genere di prodotti video e vuoi mostrare al mondo le tue capacità? Allora dovrai assolutamente leggere la nostra guida per capire come muovere i primi passi e su cosa dovrai essere formato per ottenere successo e visibilità da questa affascinante professione.

Cosa fa un documentarista?

Un documentarista è un autore che realizza video documentari servendosi di tutte le più comuni tecniche di ripresa, montaggio e ritocco. Il suo impegno riguarda la formulazione di un’idea di produzione del documentario passando per le riprese, il montaggio definitivo e l’editing in post-produzione. Il documentarista si occupa anche di coordinare le mansioni tra eventuali collaboratori coinvolti nelle varie fasi di realizzazione oltre che della ricerca degli accordi di distribuzione del prodotto definitivo. Quindi se parti da zero dovrai farti carico di tutte queste mansioni e cercare di farti spazio nel mondo di questo tipo di produzioni video, altamente competitivo e sempre al passo coi i tempi e con le più innovative tecnologie di ripresa.

Quali capacità deve avere un documentarista

Per diventare documentarista ti occorreranno indiscusse conoscenze in ambito di tecniche di ripresa, da quelle di base a quelle più avanzate. Dovrai conoscere i trucchi e le tecniche più utili a trasmettere il messaggio del documentario selezionando con cura l’attrezzatura e, quindi, dimostrando competenze anche da un punto di vista tecnico rispetto alla strumentazione di cui deciderai di servirti.

Inoltre sarà necessario conoscere le nozioni elementari e specifiche di editing necessarie a finalizzare il tuo video racconto. La post-produzione è fondamentale per ottenere documentari di valore per cui dovrai assolutamente imparare ad utilizzare software professionali come Adobe Premiere Pro e Final Cut Pro X.

Tra le competenze di un documentarista sarà necessario anche acquisire una certa esperienza sul campo, imparando a gestire le riprese, la qualità fotografica, l’audio e la gestione di tutto il materiale prodotto. Tieni presente che il documentario è un prodotto che lascia ampio spazio alle immagini per cui dovrai mettere in conto spostamenti, viaggi e risorse da destinare alla raccolta del materiale in base all’argomento che avrai scelto. Ricorda infine che l’argomento del documentario non è banale e, quindi, va scelto con attenzione perché è ciò che influenzerà maggiormente l’attenzione del pubblico o di chi deciderà di investirci.

Come diventare un documentarista

Per acquisire esperienza sul campo hai due opzioni: affiancarti ad un professionista accumulando la famosa “gavetta” o lanciarti da solo dopo aver compreso anche l’altro aspetto della produzione di documentari, ovvero quello che lo rende un vero e proprio lavoro. Stiamo parlando di conoscenze in ambito di marketing e business per cui dovrai sondare il terreno e capire a chi rivolgerti per ottenere sponsorship o finanziamenti, senza contare le istituzioni e i brand a cui potrai vendere il tuo documentario.

Infine dovrai conoscere tutti gli aspetti legati alle questioni legali e fiscali, acquisendo competenze contrattuali e relazionali con cui potrai vendere i tuoi prodotti a case di distribuzione, etichette o festival dedicati. Tutto questo, lo capiamo bene, non è affatto semplice. Tuttavia con la giusta determinazione e con la voglia di imparare siamo certi che andrai lontano.

Come muovere i primi passi

Ecco perché risulterà di fondamentale importanza la scelta accurata dei primi passi da muovere perché saranno quelli che getteranno le basi della tua professionalità. Ti suggeriamo quindi di selezionare un corso professionale davvero formativo che ti spieghi il mondo dei documentari sotto ogni aspetto, incluso quello commerciale e fiscale. Questo genere di corsi servono a comprendere il settore e ad avvicinarvisi attraverso le giuste competenze. Per i primi passi nel campo dei documentari sarà importante anche rivolgere la tua attenzione ad un professionista che è già attivo nel settore a cui proporre la tua collaborazione, anche in forma gratuita, per imparare e osservare come questo gestisce mansioni, collaborazioni e questioni tecniche. Ti servirà un budget da investire e destinare a macchine da ripresa, software per il montaggio e formazione che sono elementi essenziali per diventare documentarista.

Infine ti servirà una mentalità elastica, creativa e proattiva perché è anche importante selezionare gli argomenti su cui desidererai creare documentari. La creatività ti servirà anche a impostare uno stile unico ed originale che sappia catturare l’attenzione dello spettatore ma anche quella di chi guarderà il tuo documentario e deciderà se acquistarlo e promuoverlo. Sicuramente la strada non è semplice ed è caratterizzata da un percorso tutto in salita ma hai scelto di intraprendere una professione davvero affascinante per cui la tua determinazione sarà l’ingrediente fondamentale che ti permetterà di scalare qualsiasi ostacolo.