Vlogger è un termine piuttosto nuovo che deriva da Vlog. Si tratta di una parola che ha raggiunto il suo massimo successo negli Stati Uniti e che riscuote una certa popolarità anche da noi. Oggi vediamo in cosa consiste questa professione, come si diventa vlogger e qualche consiglio per raggiungere buoni risultati.

Vlog: significato ed etimologia della parola

Partiamo col definire più nello specifico il termine vlog. La parola vlog è una crasi delle parole inglesi "video" e "log" cioè "diario". Il vlogger quindi è qualcuno che ha un blog in formato video.

Il vlogger non è un cantastorie, né tanto meno un influencer. Diciamo che sull’argomento c’è una certa confusione da quando i social si sono accaparrati il formato video per attrarre gli utenti. Difatti, chiunque può creare video con il proprio smartphone e condividerli su Instagram, TikTok, YouTube o Facebook, ma anche sul proprio sito web in formati diversi per argomento, durata e inquadratura.

Vlog vs Instagram Stories

Se le stories di Instagram sono contenuti brevissimi corredati da sticker e testi, i video di un vlogger sono qualcosa di molto più strutturato. Inoltre il vlogger non è necessariamente anche un influencer perché l’intento, per lo meno quello iniziale, non è tanto quello di lavorare nell’ambito dell’influencer marketing ma di monetizzare con le visualizzazioni e il posizionamento di pubblicità. A conti fatti potrebbero sembrare la stessa cosa ma, come vedremo tra poco, ci sono sostanziali differenze.

Cosa fa un Vlogger

Il Vlogger è un blogger che si serve del video per raccontare la sua vita o un suo interesse. Se il blogger scrive e correda il suo sito di fotografie, il vlogger gira con una telecamera e promuove i suoi contenuti in formato video. Vista l’ampiezza di vlogger e di contenuti nel web, la figura del vlogger si è fusa con quella di content creator e influencer ma prima di arrivare a questa qualifica occorre lavorare duramente e creare un pubblico ampio e fidelizzato.

Per capire come diventare vlogger occorre innanzitutto dotarsi dei giusti strumenti e poi stilare una strategia di contenuti definendo l’ambito o l’argomento di cui andrai a parlare. Quindi nulla di nuovo rispetto al blogger ma con la “complicazione” di dover rendere i contenuti fruibili in formato video.

Come si struttura un Vlog

Un vlog è un canale corredato da un’introduzione o una sigla destinata a rimanere la stessa nel tempo. Quindi il video del vlog assume la connotazione di una breve puntata video come quelle di un qualsiasi programma in televisione. Inoltre, le caratteristiche del racconto e del contenuto, rimangono le stesse per ogni video, dove a variare saranno solamente gli argomenti. Molto spesso si pensa che il vlog sia un formato complesso poiché richiede l’utilizzo di videocamere per le riprese e l'utilizzo di software per l’editing dei video. In realtà è un formato semplice che segue le stesse logiche del blog come il piano editoriale, l’upload del contenuto sulla piattaforma e la scelta di una strategia efficace per promuoverlo.

Di cosa parla un Vlogger

Il vlogger può occuparsi di qualsiasi argomento a patto che stabilisca un suo stile comunicativo e una sua precisa identità. Solitamente è specializzato in un ambito solo che può essere cucina, viaggi o qualsiasi altro interesse. Si può dire quindi che il vlog sia in genere un canale monotematico gestito da una persona che racconta con il video tutto quello che c’è da sapere su un determinato argomento. Essendo una fusione tra blog e video, il vlog diventa spesso un diario personale la cui forma di espressione è il racconto attraverso la telecamera.

Vlogger: come muovere i primi passi

Per fare questo lavoro occorre dapprima studiare molto e specializzarsi nella produzione e post produzione affidandosi a corsi professionali. Noi della Travel Film School abbiamo creato un corso ad hoc. Inoltre serve suddividere il lavoro in comparto creativo e strategico perché, oltre alla creazione dei contenuti, si dovrà lavorare sulle strategie di marketing per rendere il proprio canale performante e, soprattutto, in grado di fornire possibilità di guadagno.

Gli strumenti indispensabili per un Vlogger

Il vlogger necessita di un kit completo composto da web cam, fotocamera e videocamere, oltre ad un PC e a una connessione ad Internet.

In genere, le migliori videocamere per vlogger devono avere due caratteristiche principali:

  • essere leggere e compatte per essere facilmente trasportate in giro, specie se si è vlogger di viaggio
  • avere lo schermino ruotabile, per facilitare le riprese in modalità selfie e guardare direttamente in camera

Per corredare il tutto sarà necessario anche un set di luci, microfoni e tutto l’occorrente per migliorare la qualità audio e video. Infine il vlogger usa software per il  montaggio dei video che mescolano funzioni grafiche a quelle di taglio delle sequenze.

Consigli per diventare Vlogger

Se questo ambito ti interessa e desiderate diventare un vlogger prima di tutto dovrete procurarvi l’attrezzatura e prendere dimestichezza con gli strumenti da ripresa e quelli di montaggio. Per un risultato professionale sarà preferibile affidarsi a strumenti di qualità, investendo in programmi con licenza a pagamento. Meglio evitare risorse gratuite e low cost perché il web è piuttosto saturo e per emergere bisognerà offrire qualità e originalità.

3 step imprescindibili per iniziare a fare vlogging

  1. Lavorare sull’ambito in cui deciderete di produrre contenuti, studiando i competitor e proponendo una novità creativa;
  2. Iniziare a lavorare sullo studio del target, delineando il tono di voce e lo stile comunicativo;
  3. Iniziare a produrre i video e a editarli, pubblicandoli e monitorando le reazioni.

N.B.
Sarà necessario investire in pubblicità mentre analizzi le performance che vi serviranno a capire quali sono i miglioramenti necessari.

Non scoraggiatevi... nella fase iniziale sarà difficile ottenere ascolto ma è consigliabile non fermarsi e continuare a produrre. Difatti, solo la costanza e la continua ottimizzazione dei contenuti proposti saranno in grado di fornirvi la base di partenza su cui costruire il vostro pubblico affezionato e scalare la vetta del successo!

Buona ricerca e buon lavoro!